Local marketing, di cosa si tratta e perché è una opportunità per chi ha un punto vendita

Parlo a te negoziante, estetista, ristoratore, albergatore, barista o pasticcere, parrucchiere, gelatiere, sarto o fiorista, a te, chiunque tu sia, che lavori in un luogo fisico e dove i tuoi clienti comprano i tuoi prodotti o servizi.

Internet e le nuove tecnologie, e soprattutto lo sviluppo dei cellulari che sono diventati la prima porta di accesso al web, hanno trasformato il nostro modo di informarci e acquistare.

Basta guardarsi intorno, gente incollata ai cellulari. Un po’ per noia ma tanto per cercare, informarsi e decidere prima di acquistare.

Sarà certo capitato anche a te di cercare su Google informazioni sulle attività locali della tua città o di finire in un negozio dopo aver apprezzato la sua pagina Facebook.

Proprio per questo si parla di nuovo bisogno di comunità locale e il Web è una chiave di accesso.

Da questo mutamento radicale, da queste necessità nasce il Local Marketing, ovvero quel mix di attività di comunicazione e marketing online e offline che le attività locali come la tua possono mettere in campo per:

  • farsi trovare dai potenziali clienti
  • dar modo a loro di raccontare agli amici l’esperienza fatta
  • fare in modo che si ricordino di te quando avranno di nuovo bisogno del tuo servizio o prodotto

Si consolida ogni giorno di più l’abitudine di acquistare online. Ma allo stesso tempo lo sviluppo tecnologico, soprattutto dei motori di ricerca e dei cellulari, ha creato un’esigenza nuova di ritorno dal virtuale al reale: si usa Internet e la tecnologia per muoversi nell’ambiente in cui viviamo.

Google, il motore di ricerca più utilizzato in assoluto in Italia (si parla di + del 90% degli accessi!) sta rivoluzionando il nostro modo di ragionare ed è sempre più parte delle comunità locali: oggi interroghiamo il motore di ricerca prima di fare qualsiasi scelta, prima di entrare in un negozio, un ristorante, prima di comprare un prodotto o un servizio locale.

Recentemente Google ha fatto sapere che il 64% degli utenti mobile (quelli che si connettono da un cellulare) consulta il proprio dispositivo prima di entrare in uno shop per acquistare un prodotto e il 76% dei consumatori che effettua queste ricerche visita lo shop fisico entro 24 ore. E di questi il 28% procede poi con l’acquisto finale.

Anche Facebook va nella stessa direzione di Google: ci suggerisce eventi intorno a noi, ci invita a registrarci nei locali che frequentiamo e a lasciare delle recensioni, ci mostra le esperienze significative dei nostri “amici”.

Per tutti questi motivi, anche se il tuo business ha avuto fino a questo momento poca propensione al mondo digitale, è arrivato il momento di cambiare prospettiva e provare a sfruttare le potenzialità del Web per far crescere la tua attività.

3 CONSIGLI PER IMPOSTARE UNA STRATEGIA DI LOCALMARKETING

1 Distinguiti in quello che fai e raccontati

Hai un bar? Inizia a pensare a tutto quello che sai fare meglio degli altri e lavoraci su per farlo diventare un plus che solo tu hai. Pensa a chi ti vuoi rivolgere, chi è il tuo pubblico ideale. Inizia a pensare ad un tipo di servizi dedicati solo a lui/lei. Non avere paura! Sei un esperto di caffè? Bene, dovrai creare la tua personale carta dei caffè e immaginare tutto quello che può incuriosire e interessare ad un pubblico che cerca un’esperienza totale di degustazione di caffè.

Più ti distingui più ti renderai riconoscibile, più sarà facile offrire un’esperienza unica e inimitabile. E questo è il primo passo. Da qui inizierai a raccontarti e a creare una strategia di contenuti attraente: approfondimenti sul caffè che hai scelto, eventi di degustazione per amanti del caffè, ricette di dolci da accompagnare al caffé. E usando tutti i mezzi possibili: video, immagini, parole. Internet è molto di più della carta stampata! Quindi, prima regola: distinguiti e raccontati.

2 Pensa mobile

Hai già un sito web? No? Male, avere un sito è una precondizione importante per farsi trovare e iniziare a raccontare chi sei e cosa offri e come ti distingui da tutti gli altri.

Comunque se già ce l’hai, devi iniziare a pensare in termini mobile (=termine inglese che indica il cellulare, lo smartphone). Tutto avviene tramite il cellulare. Perciò il tuo sito deve essere ottimizzato per gli smartphone, perché le ricerche local sono soprattutto in mobilità e da cellulare. Essere ottimizzato significa che i contenuti appaiono leggibili e fruibili in tempi veloci, anzi
velocissimi. Un sito veloce, di facile consultazione, che dà tutte le informazioni importanti con pochi click è fondamentale per generare un contatto (una telefonata o una visita).

3 Vai incontro alle persone, non le aspettare!

Se prima facevi pubblicità con volantini o affissioni, ora hai il Web a tua disposizione, che è un grande mercato, e una serie di strumenti che puoi utilizzare proattivamente per farti conoscere e trovare. Racconta quello che fai sul tuo sito, sulla pagina Facebook e poi usa i potenti strumenti di pubblicità collegati a questi canali (Facebook ADV e Google ADS) per farti vedere, farti conoscere e farti trovare da chi cerca te e quello che fai.

Uno degli strumenti importanti da non sottovalutare è Google My Business, la scheda online di Google (in pratica quella scheda sulla tua attività che appare a destra dello schermo del tuo computer, quando digiti su Google il nome della tua attività). Google My Business è uno strumento gratuito e potente per facilitare gli utenti a trovare i local store. Per questo è importante richiederne la proprietà e iniziare a gestirla con gli stessi contenuti (immagini, offerte, eventi) che hai sul sito e sugli altri canali di comunicazione, in modo integrato.

3 CONSIGLI + 1 (NON MENO IMPORTANTE DEGLI ALTRI)

+1. Recensioni recensioni recensioni!

Quando devi decidere se andare in un determinato ristorante, quale hotel o B&B scegliere, cosa fai? Cerchi le opinioni degli altri, di chi c’è stato prima di te. Prima lo chiedevi ad amici e parenti. Oggi invece è più semplice: ci sono le recensioni online, la forma moderna del passaparola, molto potente e che può aiutare un’attività locale a crescere oppure danneggiarla. Quindi?

Ci vuole un piano per alimentare, ricercare, sollecitare le recensioni positive,.

La tua simpatia, cortesia, bravura nel fare quello che sai fare devono creare un’esperienza memorabile, di quelle che deve venire voglia di prendere il cellulare e raccontarla subito sul proprio profilo Facebook o su quello Instagram, o su Google.

Come è possibile ottenere questo risultato? Un modo semplice, oltre a dare un servizio impeccabile e generoso, è di offrire qualcosa in cambio della recensione. E nel dare si deve stupire, meravigliare, coccolare.

Mantieni un dialogo con chi ti conosce già! Attraverso i socialnetwork, ma ancora di più con una newsletter dai contenuti curati e mai banali. Ai tuoi clienti dai anteprime e regala loro occasioni esclusive. Hai trovato una nuova miscela di caffè? Invitali a provarlo. Glielo offri tu. La tua generosità sarà ripagata mille volte!

Ti interessa questo contenuto? Allora metti LIKE alla nostra pagina Facebook per rimanere in contatto! 🙂

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *